Erba Brusca è un rifugio rilassato dalla frenesia urbana di Milano. Appena fuori città, in una cascina immersa  nella campagna e che si affaccia sul Naviglio Pavese, il ristorante ti accoglierà nei suoi interni caldi o nell’orto all’esterno, dal quale vengono raccolte le spezie e le erbe che gli chef utilizzano sapientemente nei piatti serviti dal ristorante.

 

Erba Brusca è diventato un mio punto di riferimento per mangiar fuori a Milano da quando ho incontrato la chef Alice Delcourt, italo-franco-americana, durante un evento della Design Week di qualche anno fa e provato il suo cous-cous con limone candito.

La cucina è una rivisitazione elaborata di piatti mediterranei e rustici semplici e tradizionali, con attenzione particolare alle verdure e al pesce d’acqua dolce.

 

Un post condiviso da Erba Brusca (@erbabrusca) in data:

 

Un post condiviso da Erba Brusca (@erbabrusca) in data:

 

Tra i miei assaggi consiglio la panissa di ceci con zucchine e verdure e la tarte tatin di pomodori con stracciatella, ma rischi di non trovarli sempre nel menu, che varia di giorno in giorno in base alla stagionalità e agli ingredienti disponibili.


 

Un post condiviso da Erba Brusca (@erbabrusca) in data:

 

Erba Brusca è un ristorante con giardino a Milano in Alzaia Naviglio Pavese 286, all’ingresso del Parco Agricolo Sud, alle spalle di Abbiategrasso. Ci sono menu d’assaggio con abbinamento di vini, alla cieca, e la possibilità di fare brunch nel weekend. Ti consiglio di prenotare, soprattutto il giovedì quando si tengono live di musica jazz in giardino.
Il sito web di Erba Brusca è erbabrusca.it.


Se vuoi continuare a scoprire e seguire le avventure mie e di Traveland attorno al mondo, allora segui il blog e rimani in contatto con i social network: Traveland su Facebook