Milano, si sa, è principalmente riconosciuta per il suo enorme monumento sacro gotico, il Duomo, che con guglie e sculture attira l’attenzione di centinaia di turisti ogni giorno.

Oggi però mi piacerebbe suggerirti quali altre 8 chiese si nascondono in giro per la città, in modo da scoprire nuovi mix di arte ed architettura, senza riportarle in ordine crescente o decrescente di bellezza, poiché ognuna di queste, a suo modo, regala magia e fascino.

Ecco le 8 chiese Milano:


1. Sant’Ambrogio

La più conosciuta tra le chiese Milano (dopo il Duomo ovviamente) con la famosa facciata a capanna e l’accogliente portico: esempio unico di romanico lombardo.

 

Un post condiviso da JOANINHA ALVES (@joaninhaalves2216) in data:



2. Santa Maria delle Grazie

Appartenente all’età rinascimentale e che attualmente ospita il Cenacolo di Leonardo.

Un post condiviso da Acuartect (@acuartect) in data:


3. Sant’Eustorgio

Esempio romanico restaurato con stile neoromanico attorno all’Ottocento.

Un post condiviso da A n d r é G o i c o c h e a (@andregoico) in data:



4. Santa Maria presso San Satiro

Nelle vicinanze del Duomo, la chiesa apparentemente anonima all’esterno, ospita invece un gioco prospettico di Donato Bramante, che ha affrescato la profondità dell’abside su una parete completamente piatta.

Un post condiviso da León Vial (@leonviald) in data:


5. Sant’Eufemia

Caratterizzata al suo interno da marmi policromi, affreschi e mosaici brillanti.

Un post condiviso da Marta 💋 (@martaconnor) in data:



6. San Maurizio al Monastero Maggiore 

Definita la “Cappella Sistina di Milano” è invece la chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, con pareti e soffitti completamente decorati con affreschi di scuola leonardesca.


7. Sant’Antonio Abate

Monumento barocco, particolare per le sue volte abilmente affrescate.

Un post condiviso da Edoardo Mombelli (@edoardomombelli) in data:



8. San Bernardino alle ossa

Tra le 8 chiese Milano da scoprire, San Bernardino è una piccola chiesa caratterizzata da un antico ossario costruito nel 1268, con migliaia di teschi, tibie e altri resti umani che decorano le pareti.

Un post condiviso da Alicja Martyna Kopciuch (@alicjakopciuch) in data:

E voi quali di queste conoscevate? Per noi non è stato facile trovarle, perché in fondo, come sapete già, le bellezze di Milano sono nascoste, per scoprirle bisogna esplorare!